L’anno che sta terminando per me è stato un anno intenso, ricco e sopratutto generoso perché che mi ha fatto ben due regali. Allora ho pensato che per iniziare bene il 2016 vorrei fare io un regalo,  ma iniziamo con calma.
Il primo regalo che ho ricevuto nell’anno appena trascorso, il più bello: si è unito a noi un nuovo membro dell’equipaggio, è nato il mio secondogenito . La navigazione è così diventata più movimentata e lentamente si sta assestando su nuovi equilibri. Abbiamo faticato, riso, pianto, cullato,ho studiato,accarezzato, nutrito, pulito, baciato tanto, in compenso ho dormito pochissimo..11406787_10153543577318559_3139951229131688720_n
Il secondo regalo, ho passato un esame importante che dopo mesi di sacrifici mi ha regalato un’ alternativa di professione che dovrò costruire passo dopo passo ma intanto sono riuscita a diventare guida turistica per la mia città . Forse non è corretto chiamarlo regalo perché questo risultato l’ho ottenuto con studio, fatica,determinazione e solidarietà femminile (grazie alla  mia compagna di avventure Valentina che ha ottenuto anche lei l’abilitazione) Un pizzico di fortuna ci vuole sempre in ogni cosa e questo lo considero un regalo.

11108976_10153241216363559_4783152862559944733_n

In tutto questo il mio spazio personale tra famiglia e lavoro il tempo si è ridotto drasticamente e il blog viaggiosottocasa è stato un po’ trascurato. Nel 2015 ho scritto meno ma ho vissuto e viaggiato di più sopratutto ho viaggiato sotto casa. Qui a Milano abbiamo avuto l’incredibile fortuna di avere il mondo sotto casa per 6 mesi con l’Esposizione Universale  , personalmente per quello che ho potuto ne ho approfittato visitando Expo il maggior numero di volte possibile.

11755643_10153412366088559_4798520724503927950_n

Expo a giugno

In questo silenzioso pomeriggio di fine anno mi ritrovo a risistemare le foto scattate quest’anno  mentre le lenticchie si stanno cuocendo, la luce fuori si ritira gradualmente e  un forte profumo di alloro si spigiona in casa. Tutto è quiete. Sono consapevole che tra un attimo si risveglieranno tutti, grandi e  piccoli che ora dormono. Questi sono preziosi momenti, e allora mi ritrovo a fare le liste—una mania che poi ho scoperto essere comune a tante persone! Ho infatti molte amiche che vanno pazze per le liste delle cose da fare e devo dire sono molto utili (vero Elisa?)
Anche alcune blogger di viaggi a fine anno realizzano le liste dei viaggi da fare come la mia amica Lucrezia di Peekaboo travelbaby allora ho pensato anch’io di stilare una lista di viaggi da compiere però sotto casa, una lista delle 10 cose da fare a Milano nel 2016. Questa lista sarà il primo regalo che farò nel 2016 . Si tratta di una mia lista personale che vorrei condividere con voi per continuare a scoprire le bellezze di Milano. Ecco le dieci cose da fare a Milano nel 2016 : 
1- visitare la Casa del Manzoni appena restaurata, quando l’hanno inaugurata c’era una fila come al padiglione del Giappone durante EXPO poi comne al solito più nessuno. Molti milanesi se la sono dimenticata forse perché uno pensa sempre “la casa sarà sempre lì ..”e così neanch’io non sono ancora riuscita ad andare ma mi riprometto di recuperare!
2-ritornare a fare un’altra passeggiata al Cimitero Monumentale, un vero museo a cielo aperto di cui vi avevo parlato anche qui. Ci andrò con la metro provando la linea lilla fermata MONUMENTALE!
3-organizzare un pic nic alla nuova Darsena con  un bel cesto di vimini pieno di buone cose ..
4-assistere almeno una sera ad un concerto o ad uno spettacolo al teatro Burri al Parco Sempione.
5-partecipare ad una delle uscite di SUPER ovvero Festival delle Periferie,  bellissimo progetto  dell’amica Federica per portare alla luce le nuove esperienze culturali e aggregative  che stanno sviluppando nelle periferie milanesi .cropped-supermotto
6-prendere un caffè al bar della Fondazione Prada , fermarsi per pranzo al risto caffè del Mudec il Museo delle Culture.
7-una passeggiata con la mia piccola di 3 anni al nuovo quartiere del Parco Adriano per provare un gelato alla gelateria Tabit , andare a curiosare un pomeriggio o una sera  alla nuova Santeria social club  ,entrambi progetti nuovi con una forte valezna sociale e culturale.
8-visitare Casa Testori a Novate : vorrei visitarla sia per la collezione permanente sia per le temporanee.
9- ritornare a Monza per visitare il Parco e la Villa Reale, un vero gioiello neoclassico che dopo un accurato restauro è ritornata al suo splendore.
10- l’ultimo punto è un semplice consiglio : vivete la  città dove abitate e se potete imparate ad amarla  sia che abitiate a Milano o in qualsiasi altra città  .Vivete il luogo dove abitate, imparate a conoscere i ritmi, i colori e  assaporate l’atmosfera. E poi fatevi un regalo. Una mattina uscite di casa e fingete di essere dei turisti. Prendete un tram sotto casa e andate in una zona della città dove non siete mai andati.Camminate a piedi, prendete la bici se potete , entrate in posti dove passate davanti ogni mattina ma non siete mai entrati.Provate a fare e guardare tutto quello che vedete magari tutti i giorni con occhi nuovi da viaggiatori.  Se proprio non vi piace e trovate che sia degradato, grigio e sporco allora arrabbiatevi e attivatevi per cambiare presso le istituzioni le organizzazioni e  la vostra passeggiata da turisti sotto casa almeno sarà stata utile per provare a migliorare il luogo in cui vivete.Perché le nostre città ,sopratutto in Italia sono meraviglie, perle da vivere, amare e accudire.
Live, love and take care ! Questa lista è il mio regalo per voi.. Vi auguro di affrontare il  2016 con l’energia e la curiosità di una selvaggia e dolcissima bambina di 3 anni come la mia piccola.

7793_1091852237505296_160129508382338118_n

A. e la Nuova Darsena a Natale 2015

Share This: