Category: milano (page 1 of 3)

Da dove viene il marmo del Duomo?

20140806_133506Stasera vi voglio raccontare da dove viene  il Marmo di Candoglia  il materiale stupendo con cui è realizzata la cattedrale di Milano , il Duomo , di cui vi ho già parlato descrivendo le vetrate istoriate. Continue reading

Share This:

Dieci cose da fare a Milano nel 2016

L’anno che sta terminando per me è stato un anno intenso, ricco e sopratutto generoso perché che mi ha fatto ben due regali. Allora ho pensato che per iniziare bene il 2016 vorrei fare io un regalo,  ma iniziamo con calma. Continue reading

Share This:

Cosa fare a Milano a Dicembre

Purtroppo sono rimasta segregata a casa per alcune settimane per via dei piccoli malati ma tra pochi giorni arriveranno alcuni giorni di vacanze per le festività di S.Ambrogio e dell’Immacolata e davvero muoio dalla voglia di fare un giro per la città.  Così mi sono documentata  e stasera vorrei condividere con voi tre spunti su cosa  fare a Milano a Dicembre. Continue reading

Share This:

Highline Galleria Vittorio Emanuele

20150716_212618 modOggi vi voglio raccontare la mia ultima scoperta : una passeggiata sopra le terrazze di Galleria Vittorio Emanuele : Highline galleria.
Non so se a voi è mai capitato di visitare una città dall’alto, si vedono prospettive mai viste e angoli sconosciuti, anche  Milano dall’alto ha un altro fascino .Ci si sente un pò più alti e si inizia a sognare ..Prima però di salire sulle terrazzedella Galleria per entrare meglio nell’atmosfera è  d’obbligo una passeggiata che parte da Piazza Duomo e prosegue in Galleria Vittorio Emanuele . Continue reading

Share This:

L’Expo che verrà..

galleria fine febbraio 2015 modIn queste settimane se vi capita di girare per Milano fateci caso, troverete cantieri aperti, monumenti come “impacchettati”, alcune  sale dei musei chiuse..e vicino la fantomatica scritta “termine lavori previsti per il 1 maggio 2015  “cioè il giorno d’inizio di Expo 2015 ! Allora nella mia testolina si affaccia questa scena: la mattina del primo maggio tutti i cantieri in città saranno finalmente terminati,  le sale dei musei aperte, i monumenti ora coperti si sveleranno nella loro nuova veste e tutto sarà più splendido, nuovo e luminoso come se fosse passata la fata turchina!  Continue reading

Share This:

La Madonna Esterhazy a Milano

Ritorna come di consueto l’appuntamento natalizio d’arte organizzato dal Comune di Milano. Quest’anno avremo il piacere di ammirare la magnifica Madonna Esterhazy di Raffaello, una scelta unica per diversi motivi. Si tratta  un ‘opera incompiuta di Rafaelllo risalente al periodo toscano,circa 1508  quindi prima di approdare a Roma e sembra sia un’ opera del cuore dell’artista che si portava appresso nei suoi spostamenti  con i suoi bagagli e arnesi di mestiere. La tela , olio su tavola (29×21,5 cm) arriva da Budapest dal museo delle Belle arti il Szépművészeti Múzeum. Il nome poi così insolito deriva dai  primi proprietari della  tela la famiglia Esterhazy che l’aveva ereditato dalla  principessa  Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbuttel che a sua volta l’aveva ricevuto  in dono dal papa Clemente XII.Potremmo ammirare la Madonna Esterhazy di Raffaello nella cinquecentesca Sala Alessi di Palazzo Marino ( metro cordusio) dal 3 dicembre al 11 gennaio , l’ingresso è gratuito .

Nella sala gli allestitori hanno scelto di esporre anche altre due tele che rappresentano  delle madonne con bambino:   La Vergine del Borghetto , una delle  migliori copie della Vergine delle Rocce rimasta a Milano attribuita a Francesco  Melzo ( tela concessa dalle suore Orsoline)  e Madonna della  rosa di Giovanni Antonio Boltraffio, un leonardesco.( opera concessa dal Poldi Pezzoli). Queste scelte di allestimento io personalemente io le aprpezzo molto  perchè mi fanno vivere in maniera più  attiva la visita.

Le opere dialogano tra loro e a noi visitatori  il piacere di scovare affinità e differenze.

1             3

Share This:

Il ritorno a casa : Segantini

18.-Segantini-Ritorn37D7EB-1030x615Sono tornata per la  seconda  volta a visitare la mostra di Segantini a Palazzo Reale a Milano perchè ne vale davvero la pena. Non è mia abitudine visitare due volte una mostra ma in questo caso ho fatto un’eccezione,  è stata una magnifica esperienza rivedere alcune opere che la prima volta avevo solo ammirato un pò velocemente. In mostra troverete ben 120 opere dell’artista , una vera e propria mostra antologica.  La mostra è magnifica, infatti  è stata premiante la scelta delle curatrici (Annie- Paule Quinsac e Diana Segantini)  di allestirla ma non in senso cronologico bensì tematico. Sono ben 8 sezioni . Si  ammirano quindi nella stessa sala  tele realizzate in periodi diversi raccolte per temi. La  prima  sezione è quella dell’autoritratto. Segantini  si considerava un artista vate, e quindi ecco un essere con la barba accennata, gli zigomi scavati e lo sguardo allucinato e  spiritato con una spada alla gola . Partiamo da lui , Segantini , perchè .. Continue reading

Share This:

Una maratona di arte e bellezza

Alcuni weekend fa   ho partecipato con la mia famiglia alla  Fai Marathon, una vera e propria maratona di arte e bellezza. Debbo subito dirvi che Baby A. è piccolina  e quindi di solito evito di portarla ai musei ma la Fai Marathon mi sembrava fattibile perchè era una sorta dipasseggiata all’aperto per le vie di Milano. Ogni autunno il Fai organizza una campagna nazionale per raccogliere fondi , quest’anno la proposta era una maratona lenta, che  sembra una contraddizione ma non lo è, si trattava di una sorta di “passeggiata “per tappe per le vie del centro . Non c’era un vincitore , il percorso si snodava attorno 20 punti di interesse culturale e storico. In ogni punto c’erano dei volontari de Fai che accoglievano e spiegavano. Il tema erano le piazze visibili e invisibili quindi  sia  ideali, sia fisiche, intese come luogo di ritrovo e di scambio  commerciale e culturale. 20141012_101506 modDetto, fatto!  Continue reading

Share This:

Una mattina d’autunno al Parco Sempione

20141022_113138 modIl Parco Sempione è uno dei parchi più belli e  più conosciuti di Milano. Da tempo  aspettavo l’occasione giusta per parlarvene . Proprio in questi giorni magnifici di sole e cielo azzurro ho trascorso una mattinata al parco con la mia baby A e due nostri amici . Causa assemblea sindacale il  nido era chiuso e così ne ho approfittato per fare una bella passeggiata nel parco. Il parco ha tanti ingressi, noi siamo entrate dal cancello che si trova vicino al Palazzo dell’Arte, meglio conosciuta come Triennale. Una giornata bellissima, colori intensi. Continue reading

Share This:

Festa in Zoia: nuovo housing sociale

20140913_181352 modVorrei iniziare questo lunedì raccontandovi della festa  d’inaugurazione del Progetto di housing sociale ZOIA a cui  ho partecipato con la mia marmocchia. Una festa  insolita,  lontana dal centro . Stiamo parlando di una zona vicino all’Ospedale S.Carlo e al Parco delle Cave, una quartiere di case costruite intorno agli anni ’60 . Il Progetto di housing sociale di Zoia  è nato nel 2011 per imput di un bando del Comune di Milano che ha concesso dei terreni per sviluppare interventi di   housing sociale . Via Fratelli Zoia si trova  in un ‘area ancora molto verde  dove negli anni ’50 vi pascolavamo  ancora le pecore. Le cooperative Solidarnosc e Ferruccio Degradi  hanno presentato  il Progetto Zoia  che prevedeva la costruzione di tre edifici per un totale di 90  alloggi e la costruzione di una piazzale, oggi chiamato piazzale della Cooperazione. La particolarità è che nello stesso complesso si trovano edifici di proprietà, affitti convenzionati e attività di imprenditoria sociale. Se volete saperne di più su Zoia e su come si è sviluppato il progetto esiste anche un bellissimo blog . Ma ora vi vorrei raccontare della festa e del pomeriggio che abbiamo trascorso assieme io e la mia pulce.20140913_181346 mod Continue reading

Share This:

Older posts

© 2017 Viaggio sotto casa

Theme by Anders NorenUp ↑